Aprire i tablet: facile con gli strumenti giusti

Si va diffondendo sempre più, tra i costruttori di notebook, una tendenza che è ormai consolidata presso le case produttrici di tablet e smartphone: quella a realizzare chiusure a incastro per lo schermo e anche per la base del computer. Perché si ricorra all’incastro è presto detto: minore ingombro e soprattutto costi di produzione più bassi, perché le parti si assemblano a scatto e non richiedono il serraggio di viti, che vanno poi coperte mediante dischetti di plastica, gomma, liste e cornici, ecc. Rinunciare alle viti comporta poi risparmi in termini di parti utilizzate, perché non serve integrare a caldo i “dadi” nei cover in plastica (che inevitabilmente si staccano dopo pochissime aperture e chiusure) nè occorre aggiungere viti alla lista delle parti.

Certo, poi il problema è del tecnico che deve aprire questi sistemi a incastro, i quali sovente si danneggiano (si strappano le linguette ad arpione o si rompono le sedi a occhiello dove fanno presa) all’apertura, in special modo se l’apparecchio ha un po’ di anni e le plastiche, di scarsa qualità e consistenza ridotta all’osso, si seccano diventando fragili.

Ecco perché oggigigiorno per riparare i notebook e i tablet è fondamentale disporre dei giusti strumenti di apertura, che non sono solo i cacciaviti comuni e dedicati (torx, torx a stella a 5 punte usati da Apple, cacciaviti a stella a tre punte, usati sempre nei MacBook…) ma anche tanti attrezzi in plastica per fare leva, i più comuni dei quali assomigliano ai plettri per suonare la chitarra.
Proprio questi ultimi sono stati per lungo tempo utilizzati nei laboratori di mezzo mondo in virtù della loro plasticità e flessibilità e perché essendo relativamente morbidi non danneggiano le plastiche; ma anche i plettri più spessi, essendo nati per muovere le corde della chitarra e del basso, si rompono quando devono sopportare gli sforzi richiesti dall’apertura di cover particolarmente tenaci.

 

Ecco perché in commercio si trovano strumenti specifici e addirittura set completi di attrezzi d’apertura rigorosamente in plastica, così da non danneggiare le parti: spatoline, cacciaviti, leve dritte e ad angolo, plettri di vario spessore, eventualmente con impugnatura inspessita per essere maneggiati con maggiore comodità e non spezzarsi.

Un esempio di kit d’apertura è quello commercializzato da Riparazione Notebook di Milano, a questo link. Il kit è composto da 24 pezzi per lo smontaggio di smartphone e tablet, ovvero iPhone 5, 5S e 5C, iPhone 4 e 4S. Ma va benissimo anche per i notebook più recenti; in esso si trovano 6 plettri di vari spessori per penetrare in tutte le fessure, una ventosa in gomma per asportare gli schermi o applicarli senza sporcarli né danneggiarli, due cacciaviti a stella (sono gli unici elementi in metallo) e altrettante spatoline in plastica, oltre a una punta tonda da un lato e quadrata da quello opposto e a varie leve di dimensioni e forma differente, sia dritte che con punta ad angolo. Queste ultime sono utilissime per sollevare i connettori dalle schede, giacché rispetto a cacciaviti e leve in metallo presentano il grande vantaggio di poter toccare il PCB delle schede su cui si trovano i connettori anche con la batteria collegata (sia quella principale che l’eventuale pila per la memoria CMOS di setup) senza fare cortocircuiti.
Un set -insomma- che non deve mancare sul banco del riparatore di notebook, tablet e smartphone.

SET-AT-SMT-001-front

Utilissimo anche il filo per smontare le cornici, i vetri e gli schermi incollati di tablet, smartphone e notebook di ultima generazione: si inserisce in un’apertura praticata con uno strumento sottile in plastica tra le due parti, nel nastro biadesivo che le unisce, e poi si taglia a misura, si afferra per le estremità e si fa scorrere tirandolo fino a scollare le parti, grazie al fatto che taglia il biadesivo. Il principio è lo stesso usato dai carrozzieri per scollare i parabrezza delle automobili.

Il filo è in lega di metallo e trova applicazione nel separare LCD e pannello Touch Screennei tablet in generale, nei notebook e negli smartphone Apple, Samsung, HTC, Sony. Si acquista on-line in matasse da 200 m di lunghezza su www.ricambi-notebook.net

SET-FL-MT-001-front