Arriva Nubia Z9 Max, il nuovo smartphone ZTE

gsmarena_001zte-nubia-z9-max-12

Smartphone non è solo Samsung Galaxy e iPhone: ce ne accorgiamo man mano che passa il tempo e che sul mercato si affacciano nuovi costruttori, praticamente tutti provenienti dalla Cina. Tra i prodotti che si distinguono, troviamo quelli di casa ZTE, 100% made in China, che già produce le serie V70, V80, V90 e che di recente ha immesso sul mercato lo Z9mini.

Dallo Z9mini (che è il fratello minore, un po’ come in casa Samsung…) nasce il nuovo ZTE Nubia Z9 Max, uno smartphone purtroppo non ancora venduto direttamente in Italia dal produttore (comunque reperibile sugli shop online), in grado di offrire un hardware davvero eccellente e in linea con tutti i recenti top di gamma 2015: lo dimostra il fatto che lo ZTE Nubia Z9 è equipaggiato con un processore Snapdragon 810 della Qualcomm, un Octa Core 64-bit di ultima generazione basato su architettura ARM Cortex-A53/A57 e ormai abbastanza diffuso nella fascia alta del mercato dei dispositivi basati su sistema operativo Android. La potente CPU comunque non deve fare tutto, perché alla grafica, avanzatissima, provvede un chip grafico Adreno 430 supportato da 3GB di RAM. In realtà il “cervello” dello smartphone è un SoC (System on Chip) Snapdragon 810 MSM8994 che integra l’Octa Core e la GPU, più altre unità di elaborazione e interfaccia con le periferiche dell’apparecchio.

snapdragon-processors-810

Il SoC Qualcomm che equipaggia lo smartphone è un 8-core.

Il display è un LCD da ben 5,5 pollici Full HD. La memoria non volatile di bordo è di 16GB integrati e può essere espansa tramite microSD.
Considerato che si tratta di uno smartphone, la potenza di calcolo è elevatissima e probabilmente degna più di un tablet che di un telefono, sia pure smart.

Come consuetudine nei prodotti della famiglia Nubia, lo Z9 Max integra un modulo cellulare Dual SIM (l’apparecchio monta la nanoSIM) che non solo permette di sfruttare perfettamente due numeri di telefono, ma offre anche la compatibilità con le reti LTE, sebbene in Italia su alcune bande specifiche (quella degli 800 MHz) potrebbe non funzionare, in quanto la sezione LTE non contempla questa banda… Ma d’altra parte lo Z9 è stato progettato per funzionare all’estero, quindi se volete importarlo dovrete fare i conti con questa piccola limitazione (il telefono funziona in LTE usando le altre bande e l’unico neo è che in situazioni di traffico molto congestionato, con alcuni operatori potrebbe non agganciare la linea passando da una zona all’altra).

Il supporto alla modalità Dual SIM è uno degli elementi di punta dello Z9Max: non solo permette il passaggio a caldo (vale a dire senza sconnettere una delle due) dei dati tra le SIM Card, ma il software permette sia di impostare una SIM predefinita per una serie di opzioni, ma anche di associare ad un numero un determinato elenco di contatti.

zte-nubia-z9-max-13

Il nuovo smartphone della ZTE ha dimensioni generose, pari a 76,6×154,8×7,9 mm. La scocca è in vetro ispirata a quella degli apparati Xperia della Sony e malgrado ciò il cover posteriore non scivola particolarmente (il vetro non è facile da tenere in mano, soprattutto se si hanno le mani sudate).

Le generose dimensioni dello smartphone consentono di disporre di un display grande -da 5,5 pollici- che nello Z9 Max è capace di una risoluzione Full HD, ma anche di colori e buona qualità. La gamma cromatica è ben riprodotta, i neri sono sufficientemente scuri nonostante non si tratti di un display Amoled (quello utilizzato da Samsung, per intendersi) e solo gli angoli di visione risultano meno ampi rispetto ad altri apparecchi concorrenti. La polarizzazione ottica del vetro protettivo è verticale e ciò può rappresentare un problema perché impedisce di vedere le immagini se si indossano degli occhiali polarizzati, vale a dire con le lenti da sole polarizzate.

I controlli da software garantiscono ampi margini di modifica dei colori offrendo diverse modalità, e permettono di gestire lo smartphone anche con una sola mano attraverso semplici gesture; per i sensori, il controllo tramite camera anteriore e lo sblocco con il doppio tocco del display è prevista una nutrita serie di impostazioni.
Imitando un po’ il Samsung Galaxy, la ZTE ha implementato nel proprio apparecchio la modalità Dual Windows, la quale, sebbene operi in maniera leggermente diversa, simula il MultiWindows Samsung permettendo di far “girare” due diversi programmi nella stessa schermata; in breve, un multitasking effettivo non solo per quanto riguarda l’esecuzione di due programmi ma anche la possibilità di interagire contemporaneamente con essi.

Restando in tema multimedia, l’audio è riprodotto attraverso un altoparlante posteriore di buona qualità; buona è anche la fedeltà nell’ascolto in cuffia o dalla LINEA, grazie a una ottimale equalizzazione dei suoni.

La fotocamera anteriore è da 8 megapixel e quella posteriore da 8; malgrado l’elevata risoluzione, il realismo delle fotografie scattate non raggiunge il livello di altri smartphone più blasonati, probabilmente a causa delle caratteristiche di sensibilità dei sensori d’immagine impiegati.

I video possono essere girati in alta risoluzione e con definizione addirittura di 4k, quindi Full HD.
L’autonomia dello ZTE Nubia Z9 Max è, malgrado la batteria di capienza generosa (ben 2.900 mAh), non molto grande, a causa sia dell’utilizzo di un processore ad 8 core che, per quanto ottimizzato sul piano energetico, consuma molta elettricità, sia per via del display di grande dimensioni che implica un retroilluminatore a LED energivoro. Per ovviare all’inconveniente, ZTE ha implementato vari controlli software che consentono di personalizzare l’attività dello smartphone e la gestione energetica, in modo da utilizzare nella modalità migliore il processore Octa Core (è possibile anche scalare il clock, pernendo qualcosa in velocità di calcolo ma guadagnando in autonomia), la GPU, la connettività WiFi, GSM/HSDPA/LTE, l’uso del display ecc. Comunque, la potenza dissipata si fa sentire sotto forma di calore irradiato dal cover, che d’estate potrebbe essere fastidioso.

A completare la dotazione dello smartphone ZTE c’è un’unità di localizzazione satellitare capace di agganciare le reti GPS (Navstar + correzioni) e GLONASS (il sistema satellitare russo) insieme e di unire le informazioni per arrivare a una precisione dell’ordine del metro. L’unità di localizzazione è utile a fornire la posizione dell’utente durante i propri spostamenti e a indicare la vicinanza di punti d’interesse (POI). La localizzazione satellitare è utile anche per aggiornare l’orologio con elevata precisione (il segnale GPS e quello del GLONASS trasportano l’orario universale UTC…) e per svolgere la funzione di navigatore satellitare veicolare.

Dotazione software Lo smartphone è basato su Android 5.0.2 Lollipop e dunque una delle ultime distribuzioni disponibili, personalizzata con un’interfaccia utente (UI) che offre tantissime caratteristiche interessanti e che si rifà a quella del vecchio Z9; manca per ora la lingua italiana, ma, come già detto, il telefono non nasce per il mercato nostrano.
Per quanto nutrita, l’interfaccia utente è un po’ ostica e molte funzioni non sono user friendly e facilmente accessibili; è comunque ben presentata ed è prevista la possibilità di scegliere tra una ricca dotazione di temi che permette di modificare in modo totale l’aspetto del display.
Il software si trova a suo agio con il processore Snapdragon 810, che permette di far girare senza il minimo rallentamento qualsiasi applicazione
Il browser web presenta buona fluidità e un caricamento veloce delle pagine sotto tutte le reti cellulari, anche se nella pratica non è ottimizzato e per molti siti è più pratico utilizzare Chrome di Google.

Per quanto riguarda l’ambito multimediale, i programmi in dotazione (si tratta di software proprietari) sono validi, di facile utilizzo e veloci, ma la grafica che forniscono non è particolarmente brillante.

La dotazione di programmi “gaming” è nutritissima e le prestazioni che fornisce (tipico degli smartphone made in China…) si appoggia alle grandi prestazioni della GPU.

Riepilogando, le caratteristiche dello ZTE Nubia Z9 Max:

  • peso = 165 g;
  • dimensioni = 76,6×154,8×7,9 mm;
  • processore = 4x 2.0 GHz ARM Cortex-A57, 4x 1.5 GHz ARM Cortex-A53, Octa Core
  • GPU = Qualcomm Adreno 430, 600 MHz;
  •  RAM: 3 GB, 1.600 MHz;
  • Memoria interna: 16 GB;
  • Memoria aggiuntiva = microSD;
  • Display = 5,5 pollici, IPS, 1.080×1.920 pixel;
  • batteria = 2,9 Ah;
  • fotocamera = posteriore da 5.312×2.988 pixel e anteriore da 1.920×1.080 pixel (entrambe 30 fps);
  • WiFi = b, g, n, n 5GHz, ac, Dual band, WiFi Hotspot, WiFi Direct;
  • USB 2.0 con connettore microUSB;
  • Bluetooth versione 4.1;
  • Navigazione satellitare basata su GPS, A-GPS, GLONASS.